Attacco a Annozero. La rete contro il DDL Pecorella-Costa. 3 Ottobre per la libertà d’espressione.

Annozero è di nuovo sotto attacco. Singolare un paese dove i ministri parlano dei programmi televisivi. Di certo non un ruolo che esercitano per competenza. O forse, se si intedessero meglio di televisione e di giornalismo, dovrebbero dimettersi e dedicarglisi a tempo pieno.
La strategia di tenere sotto ricatto i giornalisti prosegue parallela al tentativo di equiparare al libera attività di blogging al giornalismo in senso stretto, estendendo ai siti internet la responsabilità penale e il rischio di vedersi sottoposti a procedimenti risarcitori.
Il 3 Ottobre anche la rete si mobilita. Non si resta a guardare.
Di seguito alcune voci contro che chiedono sia rispettata la libertà di stampa.

  • tags: no_tag

    • Clamoroso, forse inedito, intervento diretto del governo sulla Rai dopo la prima puntata di Annozero e le notizie sugli alti livelli di ascolto. In un comunicato ufficiale il ministro Scajola attacca: “E’ ora di finirla. Quella di ieri è l’ennesima puntata di una campagna mediatica basata sui pruriti, sulla spazzatura, sulla vergogna, sull’infamia, sulle porcherie”.
    • “Convocherò i vertici della Rai per verificare se trasmissioni come Annozero rispettino l’impegno, assunto dalla Rai nel contratto di servizio, a garantire un’informazione completa e imparziale”
    • l’ira del presidente della Commissione di Vigilanza Rai Sergio Zavoli, che non ha tardato a giudicare le parole di Scajola “un pericoloso precedente. Non corrispondendo ad alcuna regola o prassi istituzionale”
    • dall’opposizione si è alzata la protesta di Paolo Gentiloni, responsabile comunicazione del Pd: “Scajola fa una censura governativa. Il compito di vigilare sul pluralismo è affidato alle Camere, non al governo”
    • gli ascolti per la trasmissione di Santoro, che, dopo le polemiche della vigilia, ha sfiorato il 23% di share, seconda solo di poco ad una storica fiction
    • Soddisfatto Michele Santoro che riferisce anche dell’imminente soluzione della questione del contratto di Marco Travaglio, ieri intervenuto in qualità di “ospite”.
    • Santoro: “Siamo davvero contenti”. “Abbiamo lavorato in condizioni di assoluta emergenza e siamo andati in onda a regola d’arte da un altro studio con una squadra nuova. Oggi siamo davvero contenti” è il commento di Michele Santoro. “Questo risultato premia un prodotto interamente Rai e non è soltanto frutto delle polemiche”.
    • “E’ stata una trasmissione alla Santoro, nel suo stile classico”, ha detto Garimberti a margine del Prix Italia a Torino. “E comunque – ha aggiunto – non esprimo giudizi, non sono un critico televisivo”. Quanto all’intervento di Marco Travaglio, per il presidente della Rai è stato “un Travaglio doc, sempre il solito: è il suo stile, il suo modo di fare giornalismo. Si può amare o no, ma è opportuno che ci siano vari generi e che ognuno possa scegliere cosa guardare”
    • Alla domanda se il direttore generale della Rai, Mauro Masi, condivida tale valutazione, Garimberti ha risposto: “Non dipingetelo diverso da com’è, non è che non capisca che ci devono essere vari generi. Quello che ha sempre caratterizzato la Rai è la presenza di più voci: c’è il Tg1, il Tg2, il Tg3 e alla fine il pubblico può scegliere. C’è il telecomando – ha concluso – che è uno strumento di democrazia”

Lo scarso impegno della politica nella diffusione della banda larga sul territorio e nell’alfabetizzazione informatica della popolazione e l’inarrestabile susseguirsi di iniziative legislative volte a scoraggiare l’utilizzo della Rete come veicolo di diffusione ed accesso all’informazione costituiscono indici sintomatici della ferma volontà di non consentire che la Rete giochi il ruolo che le è proprio: primo vero mezzo di comunicazione di massa ed esercizio della libertà di manifestazione del pensiero nella storia dell’umanità.

L’emendamento D’Alia sui filtraggi governativi dei contenuti, il DDL Carlucci contro ogni forma di anonimato, il DDL Lussana finalizzato ad accorciare la memoria della Rete, il DDL Alfano attraverso il quale si vorrebbero applicare all’intera blogosfera le disposizioni in tema di obbligo di rettifica nate per la sola carta stampata e, infine, il DDL Pecorella – Costa, con il quale ci si prefigge l’obiettivo di trasformare ex lege l’intera Rete in un immenso quotidiano e trattare tutti i suoi utenti da giornalisti, direttori o editori di giornali non possono lasciare indifferenti.

Esiste il rischio, ed è elevato, che ci si risvegli un giorno non troppo lontano e ci si accorga che la Rete è spenta e che la prima e l’ultima speranza di uno spazio per l’informazione libera è naufragata.

Muovendo da tali premesse riteniamo importante che la blogosfera e la Rete italiana partecipino alla manifestazione del 3 ottobre per la libertà di informazione, sottolineando che esiste una “questione informazione in Rete” che non può e non deve passare inosservata perché se la libertà della stampa concerne il presente quella della blogosfera riguarda, oltre il presente, il futuro prossimo di ciascuno di noi.

L’auspicio è pertanto che quanti hanno a cuore le sorti dell’informazione in Rete, il 3 ottobre aderiscano alla manifestazione chiedendo alla politica che, in futuro, ogni iniziativa governativa o legislativa si ispiri a questi elementari principi di libertà e democrazia che costituiscono la versione moderna dell’art. 11 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e del cittadino:

  • La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi per l’uomo: quindi ogni cittadino può parlare, scrivere, pubblicare in Rete liberamente, salvo a rispondere dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla legge.
    Nessun sito internet può formare oggetto di sequestro o di altro provvedimento che ne limiti o impedisca l’acceso se non in forza di un provvedimento emesso dall’Autorità giudiziaria nell’ambito di un giusto processo.

    L’attività di informazione on-line di tipo non professionistico e non gestita in forma imprenditoriale è libera ed il suo svolgimento non può essere soggetto ad alcun genere di registrazione o altro adempimento burocratico.
    La disciplina sulla stampa e quella sull’editoria non si applicano alle attività di informazione on-line svolte in forma non professionistica ed imprenditoriale.
    Nessuno deve venir molestato per le sue opinioni, fossero anche sediziose, purché la loro manifestazione non turbi l’ordine pubblico stabilito dalla legge.

    PRIMI FIRMATARI
    Guido Scorza – Istituto per le politiche dell’innovazione (guidoscorza.it)
    Enzo Di Frennaenzodifrennablog.it (giornalista)
    Vittorio ZambardinoScene digitali (La Repubblica)
    Alessandro GilioliPiovono rane (L’Espresso)

    HANNO GIA’ ADERITO
    Arturo di CorintoFree hardware Foundation
    Marco ContiniSocietà Pannunzio per la libertà di informazione
    Ernesto BelisarioIstituto per le politiche dell’innovazione
    Claudio MessoraByoblu.con
    Vincenzo Vita – Senatore della Repubblica
    Giuseppe Giulietti – Portavoce Articolo 21

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

Annunci