Caso Annozero: Scajola non ha proprio niente da fare. Facci vs Feltri al posto di Baària.

Il ministro per lo sviluppo economico – neanche lo sviluppo sostenibile, oppure eco-sostenibile, che è molto più impegnativo e di urgente attuazione visti i cambiamenti climatici prossimi venturi – fa un esposto al CdA RAI per la puntata di Annozero di giovedì scorso. Apriti cielo! Il ministro si annoia. E guarda troppa televisione. Avrebbe dovuto apprezzare – e dedicargli ampie parti delle sue interviste –  il livore con cui l’ex giornalista de Il Giornale fa a pezzi il neo direttore Vittorio Feltri, tale Filippo Facci, il siluratissimo. Se per caso il ministro se lo fosse perso – ah! è per questa ragione che ha detto quelle cose della trasmissione di Santoro, poiché questa intervista e la contro replica di Feltri sono una squisitezza che andrebbe proiettata nelle sale cinematografiche al posto di Baària, nel quale sgozzano per davvero un vitello, qui invece sono due giornalisti a sgozzarsi, metaforicamente parlando s’intende, e per noi animalisti è preferibile vedere loro in agonia, sia chiaro, e non il vitello – eccone un estratto:

  • tags: no_tag

    • le parole del ministro Scajola, quello che diede simpaticamente del rompic. a Marco Biagi poco prima che venisse ammazzato dai terroristi.
    • il ministro che gestì brillantemente gli incidenti di Genova ha pensato bene di intimare alla Rai di presentarsi a capo chino e di fornire spiegazioni a lui medesimo
    • Se la Rai avesse ancora un gruppo dirigente autonomo, anzi appena autonomo, dovrebbe solo stracciare la lettera, e non degnare della minima risposta il ministro
    • Scajola, infatti, sulle materie relative al pluralismo editoriale, non ha competenza alcuna
    • Dal 1976 la Corte Costituzionale, con una sentenza storica, ha decretato il taglio, almeno formale, del cordone ombelicale tra la Rai e il governo
    • Le competenze furono trasferite alla Commissione di Vigilanza per sottrarre l’azienda al diretto controllo dei governi. Ogni eventuale discussione deve avvenire in quella sede
    • In caso di violazione del contratto di servizio le competenze possono riguardare anche la autorità di garanzia delle comunicazioni, ma il governo non ha alcuna competenza
    • In realtà Scajola ha voluto mandare un messaggio preciso a Masi e al servizio d’ordine di Berlusconi che siede nel consiglio di amministrazione e cioè: cercate di ricordare che siete stati messi lì per tagliare le teste, per chiudere i programmi sgraditi, per cacciare quelli che il ministro considera dei rompic…
    • Per quello che ha detto questo ministro dovrebbe andarsene, ma se a qualche dirigente della Rai dovesse venire in mente di andare a inginocchiarsi sarà bene reclamare le immediate dimissioni
  • tags: no_tag

    • Il ministero per lo Sviluppo economico aprirà un’istruttoria sulla trasmissione “Annozero”. Lo dice lo stesso ministero, che annuncia un incontro con i vertici Rai. «D’intesa con il ministro Claudio Scajola, il vice ministro Paolo Romani -si legge nella nota diffusa dal ministero- alla luce di quanto accaduto nel corso della trasmissione “Anno zero”, che ha provocato reazioni indignate da parte di moltissimi cittadini, ritiene di dover aprire una fase istruttoria ai sensi dell’articolo 39 del Contratto di servizio, in base al quale il ministero ha l’obbligo di curare la corretta attuazione del contratto stesso».
    • Il presidente del Senato, Renato Schifani, interviene preoccupato dall’ «imbarbarimento della politica, che si era trasferito anche alla comunicazione della carta stampata, si stia spostando anche sul mezzo televisivo». «La Rai è un servizio pubblico – dice – è tenuta a dare ai cittadini una informazione, una critica politica che deve essere sempre attenta a buon gusto e a quello che effettivamente interessa il comune cittadino. Niente gossip e niente cattivo gusto».
    • «È sconcertante che l’onorevole D’Alema si faccia paladino di un uso così fazioso e partigiano del servizio pubblico radiotelevisivo» dice Daniele Capezzone, portavoce del Popolo della Libertà. «Possibile che al Pd sfugga il fatto che i cittadini non pagano il canone per dover subire i comizi di Santoro e Travaglio?

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.