Pensioni, la norma fantasma che blocca la rivalutazione automatica

Un comma solo, scritto nel Decreto Legge della Manovra Finanziaria, su cui Tremonti ha sorvolato ma che è stato scovato dalle redazioni del Sole24Ore e da La Repubblica. Una norma che ha l’effetto di dimezzare il meccanismo di rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici per gli importi medi (1.000 – 1.400 euro lordi):

1. A titolo di concorso per il conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica, per il biennio 2012 – 2013, alla fascia di importo dei trattamenti pensionistici superiore a cinque volte il trattamento minimo di pensione Inps la rivalutazione automatica, secondo il meccanismo stabilito dall’art. 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, non è concessa. Per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici comprese tra tre e cinque volte il predetto trattamento minimo Inps, l’indice di rivalutazione automatica delle pensioni è applicato, per il periodo di cui al comma 1, secondo il meccanismo stabilito dall’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, nella misura del 45 per cento.

Cercate anche voi le norme fregatura contenute nella manovra:

Bozza Decreto Legge 30 Giugno 2011 Manovra Finanziaria

 

Annunci

3 Comments

  1. I parlamentari italiani sono i più pagati rispetto ai colleghi europei e, credo, mondiali. In che modo si sono “tassati”? Riducendo le auto blu e abolendo lo stipendio di ministro a chi già percepisce quello di “onorevole”? Ma cosa accadrà fra due, tre anni quando la manovra dovrà essere di 20 miliardi di euro ad anno? Aumenterenno il loro “buono mensa” del 10% e dimezzeranno stipendi e pensioni ai lavoratori? Ma mi facciano il piacere!

  2. i costi della politica verranno ridotti! Sì, di qualcosa, fra qualche anno, forse, da qualcun altro che ci sarà allora… Le pensioni no, tagliare subito! Non quelle dei parlamentari, ovvio, quelle dei lavoratori che hanno versato e adesso vorrebbero riscuotere…che sfacciati.

  3. E questo sarebbe quel governo che non ha messo le mani nelle tasche degli italiani, ovvio non ha cosa prendere dentro le tasche ormai hanno prosciugato proprio tutto.
    Visto che non possono piu prelevare dagli stipendi allora stanno prelevando dalle pensioni, appena avranno concluso e impoveriti anche i pensionati che hanno lavorato per anni versando per mantenere questi p….ci, e b…….di, dove metteranno le mani?hanno distrutto un paese, ci hanno impoveriti, ma non hanno capito che la corda è rotta, e non si rendono conto che l’esasperazione, ci potrà sicuramente portare,( anche se non è da noi popolo di m….da) a reagire come la grecia.
    è mai possibile che ancora continuiamo a subire senza reagire? credo che sia talmente tanto il sommerso che chi sta proprio male siamo proprio in pochi, a parte i lavoratori dipendenti, e i pensionati credo che le caste sono veramente tante, si puo notare dai SUV che circolano,in mano a persone che risultano addirittura disoccupati e nulla tenente.
    Basta pensare che associazioni culturali, nascono come funghi,nelle varie realtà montane,associazioni, quale L’ente per il recupero del patrimonio della CIPOLLA, Dell’aglio dei monti Iblei,e della valle , ormai seccata dell’Anapo, o quella congiunta con la valle di Noto che non esiste più o è la stessa cosa,.
    Nella sola valle dei monti Iblei ( e credo a livello Nazionale chissà quanti cè ne sono ) c’e ne sono circa cinque ma non si è mai capito cosa facciano.
    e Superfluo ricordare che ogni uno di questi enti è formato da un di consiglio di amministrazione,presidenti, vice presidenti,segretari,e impiegati,uffici (dove non c’è mai nessuno) vetture ,guarda caso tutti, politici o ex trombati.
    Ecco il costo della politica sommersa che la gente non conosce.
    cosa dobbiamo fare contro questi d………ti?
    Saper scegliere quando si va a votare non basta, occorre vigilare e sputtanarli in tutti i modi.

I commenti sono chiusi.