Fiscal Cliff sempre più vicino

Armageddon delle tasse e dei tagli. In Italia potremmo chiamarlo ‘Agenda Monti’. Non è altro che un quadro normativo che impone il rientro dal deficit per gli Stati Uniti; una sorta di cura da cavallo, che però ammazza il cavallo e anche chi gli sta intorno. Il Fiscal Cliff è un complesso di norme che si è attivato automaticamente. Non è però una attivazione casuale. C’è un colpevole e si tratta di una certa commissione di esperti che entro la fine di Novembre doveva fornire le soluzioni normative per la riduzione del deficit di $ 1,2 trilioni in dieci anni. Questa commissione ha fallito il suo obiettivo, e pertanto una parte del Budget Control Act del 2011 ha “preso vita”. La parte che implica questa curva di rientro (parte in rosso):

Deficit_or_Surplus_with_Alternative_Fiscal_ScenarioIl meccanismo prende anche il nome di “sequestro del budget” o “sequestration”. La riduzione della spesa pubblica interesserebbe in parti uguali sia la Difesa che la spesa interna mentre un altro provvedimento legislativo, l’Affordable Care Act impone nuova tassazione per circa 250.000 dollari all’anno. Lo scenario alternativo può essere conseguito solo in seguito alla estensione della effettività del cosiddetto Bush Tax Cuts – il provvedimento che tagliò le tassazioni ai ricchi e che venne già rinnovato nel 2010. Senza accordo politico non si otterrà nulla. Ma è evidente che il disinnesco del Fiscal Cliff lascerebbe irrisolto il problema del debito americano. Guardate il grafico sottostante (indica l’andamento del rapporto debito/PIL federale dal 1940 ad oggi, con la proiezione sino al 2022):

Historic_Federal_DebtIn rosso potete apprezzare l’andamento del rapporto debito/PIL federale con il Fiscal Cliff applicato, in azzurro in caso di estensione del Bush Tax Cuts ed altri (per un elenco esaustivo dei provvedimenti che hanno generato la rupe fiscale, vi rimando alla più estensiva nota su Wikipedia U.S., http://en.wikipedia.org/wiki/United_States_fiscal_cliff pagina dalla quale provengono i grafici soprastanti).

Harry Reid, il leader dei senatori democratici, ha detto stasera che vi sono oramai poche chance per evitare il Fiscal Cliff sono quasi nulle, mentre lo speaker della Camera, John Boener, afferma che le proposte della Casa Bianca continuano a non essere serie.

 

Intanto consiglio questo blog per seguire passo passo gli aggiornamenti della situazione:

Annunci