Bárcenas e i fondi neri del PP

Immagine

foto El Pais

Lo scandalo dei fondi neri. Non si tratta di Penati, né di Lusi, né di Belsito, né di Batman Fiorito. Avviene in Spagna e interessa direttamente il partito del capo del governo Rajoy. Alvaro La Puerta e  Bárcenas Luis sono stati tesorieri del Partito Popolare fra il 1990 e il 2009, un termine di tempo lunghissimo durante il quale il partito ha accettato “donazioni” in nero da parte soprattutto di importanti costruttori. Rajoy avrebbe incassato 25.200 euro all’anno, per undici anni. Uno scandalo senza eguali, in Spagna. In Italia, no, qualche esempio ce lo abbiamo.

El Pais online stasera è un insieme di racconti terribili che forse riscriveranno la storia di Madrid dell’ultimo decennio. Come per esempio l’acquisto del Banco de Vitoria, assorbita da Banesto nel 2003, per il quale i vertici del PP hanno ricevuto una super tangente. I documenti sono stati tutti pubblicati e rivelano che il PP di José Maria Aznar prese finanziamenti in nero sin dal 1997, fino all’anno successivo, quando Aznar medesimo vinse le elezioni e divenne primo ministro. Dal 1997 non c’è stato un solo segretario generale o un sottosegretario del partito che non abbia preso denari.

Tra di loro c’è l’attuale primo ministro e presidente di partito, allora vice segretario generale, Mariano Rajoy , i vicesegretari Rodrigo Rato e Jaime Mayor Oreja , e i segretari generali Francisco Alvarez-Cascos , Javier Arenas , Angelo Acebes e Dolores Cospedal . Alvarez-Cascos era l’unico, in base alle note, che continuava a ricevere denari anche dopo aver lasciato la segreteria generale (El Pais).

La contabilità di Bárcenas non ha nulla a che vedere con il finanziamento pubblico dei partiti. Sono a tutti gli effetti finanziamenti illeciti. Fra i finanziatori occulti figurano Alfonso Garcia Pozuelo, proprietario di Constructora Hispánica, e Juan Cotino, proprietario della impresa valenciana Sedesa, una società di servizi. Il bottino attuale, che ammonta a 22 milioni di euro, viene custoditi in una Banca svizzera. Uno schema antico. E collaudatissimo. Bárcenas ha fatto sinora questo ‘sporco’ lavoro per 200.000 euro annui. Con tutti questi soldi, perché mai avrebbe dovuto parlare? Era anche il suo businness.

Advertisements