Ballottaggi, ecco come si vota

Attenzione alle bufale. Non è assolutamente vero che si debba votare soltanto il sindaco e non la lista. E’ vietato il voto disgiunto, vale a dire votare per un sindaco e per la lista opposta. Ma è possibile votare con una croce sia sul nome del candidato che sulla sua lista:

Ballottaggi: come si vota? – In questi giorni circola in modo virale attraverso la rete un appello che invita categoricamente a mettere il proprio voto soltanto sul nome del candidato a sindaco, pena l’annullamento del voto.
In realtà, l’articolo 143 delle istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali (qui il pdf di tutta la legge), è meno severo. Si spiega, infatti, in modo chiaro che il voto è valido “anche quando l’espressione del voto stesso sia stata impropriamente apposta fuori dallo spazio contenente il nominativo del candidato ovvero sul contrassegno di un gruppo o di una lista collegati.”
Insomma, quello che dice la norma è che il voto dato sul simbolo a sostegno del candidato è improprio (per chiarezza sarebbe meglio mettere la croce sul nome del candidato prescelto), ma quando la volontà dell’elettore è chiara, il voto è da ritenersi valido.

Niente voto disgiunto – Tutt’altro caso invece se si mette il voto su uno dei due candidati e anche su una delle liste che sostengono l’altro candidato. In questo caso la volontà dell’elettore non è per nulla chiara e dunque il voto viene annulato.
D’altra parte, i voti dati alle liste in questa fase dell’elezione sono comunque inutili. Al ballottaggio, infatti, si deve scegliere tra i due candidati che hanno preso più voti al primo turno. Eventuali croci sui simboli dei partiti non servono a spostare gli equilibri del consiglio comunale. Meglio dunque essere chiari ed esprimere il proprio voto solo sul nome del candidato prescelto (SKY.it).

Come si vota alle primarie del PD. Chi è all’estero può votare dal sito.

Come si vota alle primarie | Ignazio Marino.

Per chi risiede all’estero, si può votare tramite il sito del Partito Democratico ma bisogna registrarsi entro il 21 Ottobre!

Studenti fuori sede, presentarsi entro il 23 Ottobre alla sede provinciale del partito per comunicare la propria decisione di votare nella città dove studiate!

Non si può votare in qualsiasi seggio, bisogna cercare il proprio nell’apposito form sul sito, che in realtà non è ancora aggiornato con tutti i comuni. Se non trovate il vostro comune nell’elenco, telefonate al servizio informazioni del PD che risponde al n. verde 848 88 88 00 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 20.00! Attenzione, poiché l’aggiornamento dell’elenco comuni del sito è in ritardo, verificate la presenza del vostro comune e cercate il vostro seggio.

Fac simile scheda

Fac simile scheda elezione segretario regionale

QUANDO SI VOTA
Si vota Domenica 25 ottobre dalle ore 7.00 alle ore 20.00 (attenzione! torna l’ora solare).

Per votare sono indispesabili un documento d’identità e la tessera elettorale.

Per sapere qual è il tuo seggio elettorale occorre inserire nel form il numero della sezione elettorale nella quale voti durante le normali elezioni, da lì il sitema informatico ti indicherà qual è il gazebo dove potrai votare alle Primarie.

TROVA IL TUO SEGGIO ELETTORALE!

CHI VOTA
Pos­sono votare tutti i cittadini italiani (anche non iscritti al Pd) in pos­sesso  di tes­sera elettorale.

Possono votare anche i ragazzi che hanno compiuto i 16 anni, muniti di un documento di identità.

Pos­sono votare gli studenti fuori sede e gli extracomunitari in pos­sesso di permesso di soggiorno.

ELETTORI EXTRACOMUNITARI (delibera n. 34)
I cittadini immigrati ed extracomunitari in pos­sesso di permesso di soggiorno, hanno diritto all’elettorato attivo e pas­sivo e pos­sono esercitare il diritto di voto presso il luogo di domicilio/residenza come essa è comprovata o dalla carta di identità o dal permesso di soggiorno o dalla ricevuta di richiesta del rinnovo di permesso di soggiorno.

Per maggiori informazioni potete chiamare questo numero 8488 88800

STUDENTI FUORI SEDE (delibera n. 33) SCARICA E COMPILA IL DOCUMENTO PER STUDENTI E LAVORATORI

Verrà istituito in tutte le Commis­sioni provinciali per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea nazionale, di un seggio per garantire l’esercizio del diritto di voto a cittadini, italiani e stranieri che studiano e lavorano in una provincia diversa da quella di residenza.
Gli studenti e lavoratori, muniti di documento di riconoscimento, debbono pre­sentarsi entro le ore 19.00 del 23 ottobre 2009 presso la sede provinciale del Partito Democratico, dove studiano o lavorano, e comunicare la loro decisione di votare in quella sede provinciale anziché nel seggio del luogo di residenza. Oppure, qualora impos­sibilitati a raggiungere la sede provinciale del PD, gli studenti e i lavoratori fuori sede, pos­sono inviare alla Commis­sione provinciale per l’elezione del 25 ottobre, avvalendosi di fax o mail, la domanda di esercizio del voto, corredata da documento di riconoscimento.
La Commis­sione provinciale, presso la quale l’interessato ha fatto richiesta deve comunicare al richiedente, entro le ore 12.00 del 24 ottobre , il seggio a lui assegnato per la votazione e comunicare al Pre­sidente della Commis­sione provinciale per l’elezione del 25 ottobre del luogo di residenza.

Per maggiori informazioni potete chiamare questo numero 8488 88800

ITALIANI ALL’ESTERO:

Gli italiani residenti all’estero possono votare presso i seggi allestiti nelle città (dovete contattare la sede del Pd della vostra città) oppure attraverso il voto online. Previa registrazione sul sito dal 12 al 21 ottobre.

Si potrà votare dalle ore 22.00 del 24 ottobre alle ore 20.00 del 25 ottobre, ora italiana.

CONTROLLATE TUTTE LE INFO SULLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA SUL SITO DEL PD

COME SI VOTA
Il voto si esprime tramite e soltanto attraverso un unico segno tracciato su una delle liste dei candidati. Non è pre­visto voto di pre­ferenza. Sotto trovate i fac-simile delle schede per l’elezione del segretario nazionale del PD (celeste) e di quello regionale (rosa).

Per votare bisognerà versare 2€ per contribuire a coprire le spese di organizzazione (montaggio smontaggio dei gazebo, stampa dei materiali informativi etc..)

Se volete aiutarci nella campagna elettorale, su questo sito trovare il kit per i volontari, con un po’ di materiale utile da volantinare o da inviare via mail.