Elezioni amministrative: il punto sui sondaggi

Prima che cali la scure della par condicio, in questi giorni è un fiorire di sondaggi sulle intenzioni di voto degli elettori alle imminenti consultazioni amministrative. Milano è il capoluogo chiave: qui si determinerà il futuro assetto di governo e, qualora la Lega dovesse avere un successo elettorare a discapito del partito dei berluscones, probabilmente assisteremo a un rimpasto di governo o anche ad una mini-crisi con vittoria di leghisti e tremontiani.

Pisapia è accreditato di una percentuale che oscilla intorno al 41-43%, non sufficiente a sopravanzare la Sciura Moratti ma abbastanza per costringerla al ballottaggio. Il dato è confermato da due sondaggi pubblicati da Clandestinoweb e dal Tg3 e ribadito stasera dalla rilevazione divulgata da Mentana durante il Tg La7:

IPR per Tg3 - 28/04/2011

Fullresearch per Clandestinoweb: Letizia Moratti – Centrodestra 47,0-49,0%; Giuliano Pisapia – Centrosinistra 41,0-43,0%; Manfredi Palmieri – Polo della Nazione 6,0-8,0%; Mattia Calise – Movimento Cinque Stelle 3,0-5,0%; Altri 1,0-3,0% Indecisi 16,2%.

La Sciura ha per ora la possibilità di battere Pisapia al primo turno. Gli indecisi sono ancora tanti e forse si accoderanno alla consueta percentuale di astenuti. Da sottolineare la probabilità di avere il Mov 5 Stelle al 5% a Milano.

Torino: Fassino è a cavallo del 50%, può farcela al primo turno. E’ forse la città dove il PD rischia meno. Anche a Torino il Mov 5 Stelle al 5%, un movimento a vocazione urbanistica, prende piede nei centri urbani, prima Bologna, poi il nord-ovest, Milano e Torino. Qualcosa a che vedere con l’uso e la diffusione di internet?


Napoli: il caso. Lettieri (PdL) potrà vincere facilmente, nonostante le botte e gli insulti di oggi – così a beneficio di telecamera… – grazie alla divisione cervellotica del centro-sinistra, fenomeno che si spiega con quella vicenda scandalosa che furono le primarie con il trucco:

De Magistris raccoglierà il 20% circa. Un’enormità di voti. Che dire: doveva continuare a fare il parlamentare europeo, come gli contesta Grillo? E’ vittima della sua stessa ambizioso? Roberto Fico, candidato per il Mov 5 Stelle, è consigliere regionale. La sua candidatura è più seria di quella di De Magistris? Non abbandonerebbe pure lui il posto da consigliere regionale, ottenuto soltanto un anno fa? Non sarebbe un tradimento tale e quale quello di De Magistris?

Non hanno pane? Date loro i SUV. Parola di Marchionne

Asfaltato per sempre il contratto collettivo nazionale, messo a pregiudizio il diritto alla rappresentanza, instaurato il nuovo regime aziendale delle turnazioni e delle pause pranzo facoltative a fine turno; insomma, restaurato il modello operaistico di inizio novecento, dove l’operaio non è persona bensì mero fattore produttivo da applicare esclusivamente secondo criteri quantitativi di efficiacia e efficienza, ovvero l’antica menzogna del lavoro come merce, Marchionne svetta come una mannaia su tutti i lavoratori italiani.

Certo, tutti a indicare il dito: Marchionne il grande innovatore, il grande devastatore, il grande rivoluzionario. Nulla sarà come prima. L’Italia è a crescita zero, indispensabile non firmare, scrivono su Europa. Giusto firmare per salvare i posti di lavoro, questa la logica di Piero Fassino, un uomo al posto sbagliato nel momento sbagliato. Fassina, responsabile economia e lavoro del PD, braccio destro di Bersani, diverge dalla linea dei filomarchionne piddini per elaborare la tesi della “salvaguardia del lavoro ma non a scapito del diritto”: un colpo al cerchio e uno alla botte.

Marchionne, quel filubustiere: anche in Serbia lo stanno cercando e non certo per fargli dei complimenti. Gli operai della Zastava, fabbrica storica di automobili della ex Jugoslavia, comprata nel 2008 dalla Fiat al 67%, dovevano essere – secondo gli accordi – tutti riassunti. Balle: Marchionne stringe accordi per poi rimangiarseli. I lavoratori sono stati sottoposti a dei “test di qualificazione” e molti di essi non li hanno superati e per tale ragione non verranno riassunti (Finanza e Mercati, 28/12/2010, p. 8). Il governo serbo che dice? Tace, ovvio. Perché il governo serbo aveva regalato a Fiat, affinché essa spostasse la produzione della monovolume L0, scippata a Mirafiori, là, negli ex capannoni della Zastava, ben 250 milioni di euro. Gli altri 400 milioni provenivano dalla Banca Europea per gli Investimenti. La rimanenza è della Fiat. Capite? Fiat fa impresa con i soldi degli altri. Dei governi e delle banche. Un vecchio vizio che Marchionne – sì, il grande innovatore – non ha minimamente intaccato.

Pomigliano e Mirafiori non sono una casualità. Fanno parte di un progetto che Fiat teneva già in pugno nel momento dell’acquisto di Chrysler. Ebbene, Fiat anche allora ha incassato soldi da un governo, quello di Obama, a patto che Fiat riconvertisse alcune delle produzioni di Chrysler in automobili a basso impatto ambientale. Marchionne ha sciorinato dinanzi al presidente americano la vasta gamma di conoscenze di Fiat in fatto di basse emissioni inquinanti. Quali non è dato a sapersi. Forse il punto forte di tale dissertazione è stata la tecnologia motoristica al metano, che notoriamente non è una invenzione Fiat, bensì è vecchia di trent’anni. In ogni caso, che fa Marchionne? Sposta la produzione della monovolume Fiat – L0 – in Serbia, incassa i soldi del governo e della EIB mentre a Mirafiori fa produrre i Suv della Chrysler, che in America non può più fare, sennò Obama gli richiede indietro i soldi. Che strategia innovativa! Pratica la cinesizzazione delle relazioni industriali italiane al fine di produrre Suv con il marchio Chrysler da rivendere nelgi USA in barba agli accordi con Obama.

Detto questo, non serve grande acume per osservare che l’investimento nei SUV è una gran fregatura: i SUV non hanno alcun futuro sul mercato. Sono macchine costose e altamente inquinanti. Come non è ovvio dire che la contingentazione dell’orario di lavoro, le pause a fine turno, ovvero la riduzione degli spazi di recupero e di rigenerazione del lavoratore durante le fasi lavorative, vadano a diretto discapito della sicurezza qualitativa del prodotto, nonché della sicurezza del lavoratore medesimo. Si dice che l’accordo sia quanto di più necessario per far stare Fiat al passo con i tempi della globalizzazione. Sarà, ma è altrettanto vero che questo modello ha già fallito (caso della Toyota e del ritiro dal mercato di migliaia di vetture difettose). Per dirla in altre parole, Fiat Auto è senza futuro. Trasferisce i propri lavoratori in Newco che puzzano dalla testa (perché delle Newco? perché Fiat non si può chiamare Fiat e basta e invece ha mille sigle che appartengono alle mille società che Fiat fa e disfa di volta in volta a seconda di quanto salario e di quanti diritti privare i lavoratori?). Investe nei Suv. Sovraimpiega i propri lavoratori mettendo a pregiudizio la qualità dei suoi prodotti. Non ha un servizio clienti alla pari delle multinazionali estere. Soprattutto, le sue vendite sono in picchiata e non saranno le Newco di Pomigliano e Mirafiori a rilanciarle. Che dire: Fiat è un malato terminale, e non lo sa.