Copenhagen, primo obiettivo: l’efficienza energetica. Kite Gen e Maglev, due risposte possibili.

Il cambio di paradigma energetico deve essere al primo posto nelle agende delle diplomazie riunite da oggi a Copenhagen per la conferenza sul clima e il global warming. Ovvero il superamento della civiltà industriale fossile per l’adozione del modello multipunto, a produzione energetica capillare, delle energie rinnovabil. La vera partita, a Copenhagen, si gioca su questo fondamentale problema: le fonti energetiche. Il global warming è un motivo in più per accelerare il cambiamento del modello energetico che si renderebbe comunque necessario per l’umanità intera almeno a partire dal 2050, anno presunto di crisi petrolifera e di crisi dell’attività estrattiva. Si impone la necessità di introdurre un sistema migliore, pulito, efficiente, “pacifista”.

Il testo che segue a fine post è un “bignami” del pensiero di Jeremy Rifkin, grande teorico e visionario che ha progettato la civiltà dell’idrogeno. Rifkin affianca la produzione energetica rinnovabile, sfruttando il sole e il vento, alla tecnologia delle celle a idrogeno, ancora in fase di sviluppo e miglioramento dell’efficienza. Ma l’impulso all’innovazione di questi ultimi tempi (2 anni) ha prodotto alcuni interessanti progetti: uno tutto italiano, il Kite Gen; l’altro, faraonico, ideato dai cinesi, il MagLev Wind Turbine. Delle due, il Kite Gen è quasi una realtà: è in costruzione un prototipo nella provincia di Asti. Mentre il MagLev presenta ancora alcuni problemi realizzativi, e finora solo una società cinese si sta cimentando nell’opera. Il MagLev, però, potrebbe essere ridotto di scala e introdotto in ogni casa, come piccola turbina eolica a asse verticale.

Kite Gen:

Il Kitegen è un progetto della Kite Gen Research, società privata fondata nel 2007, con sede a Chieri, nella cintura di Torino, la cui visione per l’energia eolica è – così la definiscono – “sinceramente internazionale”. “Per aiutarci a realizzarla, insieme alla società sorella Sequoia Automation, abbiamo messo assieme scienziati qualificati e talenti nel business e nella tecnologia”.

La tecnologia esistente riesce appena a scalfire, in pochi punti favorevoli, la superficie dell’enorme giacimento d’energia rappresentato dal vento (vedi Dati sul vento). Infatti le torri eoliche non possono spingersi più in alto e arrivare al vento in quota, sono già prossime al loro limite dimensionale: con difficoltà i rotori superano 100 metri dal suolo, la struttura che li sorregge diventa, col crescere dell’altezza, esponenzialmente più pesante, instabile e soprattutto costosa.

Per raggiungere il vento in quota e sfruttarne la maggiore energia cinetica, il progetto Kite Gen® parte da un radicale cambio di prospettiva: non più strutture pesanti e statiche come le attuali torri eoliche, ma invece macchine leggere, dinamiche e intelligenti. In aria, a sottrarre energia dal vento a una altezza di 800 / 1.000 metri, ali semirigide ad alta efficienza pilotate automaticamente. Al suolo, tutti i macchinari pesanti per la generazione di energia. Ad unire i due sistemi, cavi in materiale composito che trasmettono la trazione e contemporaneamente controllano direzione e angolo al vento (fonte: http://www.kitegen.com/it/tecnologia/tecnologia/)

MagLev Wind Turbine:

Una turbina eolica a levitazione magnetica utilizza la levitazione magnetica in sostituzione dei cuscinetti convenzionali nel contesto di una turbina eolica. I cuscinetti magnetici sono stati utilizzati per turbine più piccole e pompe, ma generalmente non sono in grado di gestire gli impatti di disturbo all’albero e richiedono elettromagneti attivamente controllati. Fare cuscinetti magnetici abbastanza forti per gestire i carichi di una turbina eolica equivale a utilizzare importi proibitivi del potere magnetico mantenendo gli elettromagneti in esecuzione. Un recente progettazione che impiegano magneti permanenti è stato sviluppato in Cina da Guangzhou Energy Research Institute con l’Accademia Cinese delle Scienze e con la società cinese Zhongke Hengyuan Energy Technology Co. Ltd. (fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/Unconventional_wind_turbines#Maglev_wind_turbine)

  • tags: no_tag

    • ANIDRIDE CARBONICA Il mutamento climatico sta procedendo a velocità superiore alle previsioni: l´obiettivo che fino a ieri sembrava sufficiente, un tetto di concentrazione di CO2 in atmosfera di 450 parti per milione, non ci protegge dal rischio della catastrofe. Come dice Jim Hansen, uno dei più accreditati climatologi, invece di continuare ad accumulare anidride carbonica in cielo dobbiamo tornare indietro, verso le 280 parti per milione dell´era preindustriale. Oggi siamo a quota 387: scendiamo almeno a 350.
    • EFFICIENZA ENERGETICA E´ la base per il riassetto energetico. Molti tagli di emissioni si possono realizzare eliminando gli sprechi e l´inefficienza.
    • IDROGENO Le rinnovabili sono una fonte pulita ma non costante: c´è bisogno di un serbatoio per immagazzinare l´energia prodotta durante i momenti di picco. Questo serbatoio è l´idrogeno che permette anche di riutilizzare in modo flessibile l´energia accumulata.
    • NUCLEARE Il nucleare è la tecnologia della guerra fredda. In più di mezzo secolo non ha risolto i suoi problemi, anzi li ha aggravati: rischi di incidenti durante tutte le fasi del ciclo di produzione, rischio terrorismo, rischio scorie. E nessun beneficio economico.
    • OBAMA La svolta di Obama è la premessa per un cambiamento che dovrà essere molto più radicale: senza la visione d´assieme, senza la capacità di pensare a lungo termine, il rilancio delle fonti rinnovabili è privo di solide basi.
    • RINNOVABILI Sono il primo pilastro della terza rivoluzione industriale. Due regioni spagnole, la Navarra e l´Aragona, in dieci anni sono arrivate al 70 per cento di elettricità da fonti pulite. Perché non fare altrettanto?
    • TERZA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Permette sia lo sviluppo economico che la riduzione delle emissioni serra. Poggia su quattro pilastri: le energie rinnovabili, gli edifici sostenibili, l´idrogeno e le reti intelligenti, le smart grid per distribuire l´energia secondo il modello del web. La Terza rivoluzione industriale significa spostare il potere dalle oligarchie che gestiscono le grandi centrali elettriche alle persone. Oggi parliamo attraverso Skype e si creano network liberi di scambio e condivisione delle informazioni. Perché non farlo con l´energia?
    • VEGETARIANI La seconda causa di cambiamento climatico al mondo è l´emissione di CO2 derivante dall´allevamento di animali, ovvero dalla grande quantità di carne che consumiamo. Per abbattere le emissioni bisogna passare alla dieta mediterranea, come in Italia, mangiando molte verdure e molta frutta.

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

Copenaghen, il clima, e la scienza con il “ritocco”.

Il 7 Dicembre a Copenhagen si discuterà di clima e di global warming. Un vertice preceduto da un fallimento, il mancato accordo di Obama con la Cina. Rimangono fra l’altro due sole altre sessioni negoziali prima che il testo sia discusso dalla Conferenza delle Nazioni Unite, e la bozza di documento è ben lungi dall’essere esaustiva. Ma parlare di cambiamento climatico equivale a parlare di energia, di sviluppo, di sicurezza ambientale. Il Global Warming è strettamente correlato con il modello di sviluppo attualmente dominante, e discutere di emissioni di gas serra senza prevedere un nuovo paradigma sistemico è limitante. Ambiente vuol dire energia, salute, progresso, risorse; in definitiva, la civiltà umana.

All’interno del gruppo negoziale manca una leadership. Obama è in difficoltà a proporsi come tale, gli USA producono un terzo delle emissioni carboniche mondiali e anche all’interno del paese non esiste una convinzione radicata sull’influenza umana nei processi di riscladamento atmosferico.

Il New York Times, ieri, ha pubblicato la notizia di un furto di email da un server della British University. Le email contenevano discussioni intercorse fra scienziati climatologi, nelle quali gli stessi, oltre a dileggiare gli scettici del global warming, si preoccupavano di come taroccare dati scientifici non concordi con le loro teorie. Il NYT ha riferito il caso di una ricerca che incrociava l’accrescimento degli anelli degli alberi con l’incremento della temperatura. Ebbene, la correlazione si interrompe a partire dal 1960, fatto che ha posto i climatologi di fronte alla evidenza di una non affidabilità della struttura anello-temperatura e al suo abbandono per modelli più coerenti. Questa scelta è stata oggetto di critica: perché discutere dell’affidabilità di un metodo se il suo risultato è avverso a un teorema? E’ scientifico questo approccio? Il dubbio è legittimo ed è stato sollevato da molti frequentatori di siti di orientamento negazionista sul global warming. Allo stesso tempo, il furto di email e la loro conseguente pubblicazione a pochi giorni dal vertice di Copenhagen, mostra non pochi lati oscuri. E’ forse un tentativo di inquinare il dibattito a favore della corrente di chi sostiene di non fare nulla per frenare il riscaldamento terrestre, che ogni riduzione ai gas serra sarà un freno dato all’economia e allo sviluppo. Paesi come Cina, Russia, India e Iran rappresenteranno il fronte dei paesi anti-riduzionisti, e la possibilità di un accordo concreto si fa molto remota. Qualcuno sta gettando in pasto all’opinione pubblica argomenti devianti volti a negare la necessità di un cambio di paradigma sistemico.

Allo scopo di raggiungere un accordo che contribuisca realmente a salvare il pianeta da un devastante cambiamento climatico, i Paesi devono:

  • Concordare su un regime climatico forte e vincolante a partire dal 2012, sancendo nuovi impegni e migliorando il Protocollo di Kyoto, e firmando un nuovo Protocollo di Copenhagen;
  • Assicurare che le emissioni di carbonio raggiungano un picco entro il 2017 per poi diminuire rapidamente subito dopo, allo scopo di tagliare le emissioni globali di almeno l’80% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050;
  • Concordare sulla decarbonizzazione delle economie dei Paesi sviluppati entro il 2050 e la riduzione delle emissioni di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020;
    Agevolare la transizione verso un’economia a basso consumo di carbonio nei Paesi in via di sviluppo, fornendo 160 miliardi di dollari all’anno per la mitigazione e l’adattamento e permettendo l’accesso alle tecnologie pulite;
  • Sostenere un’azione immediata contro il cambiamento climatico nei Paesi in via di sviluppo;
  • Sostenere l’obiettivo di deforestazione zero entro il 2020.
  • Centinaia di messaggi privati di posta elettronica e documenti, piratati da un server informatico della British University, stanno causando scalpore tra gli scettici del riscaldamento globale, che dicono così di dimostrare che gli scienziati del clima cospirano per enfatizzare il ruolo dell’influenza umana sul cambiamento climatico.
    I messaggi e-mail, attribuiti a eminenti ricercatori sul clima americani e britannici, includono le discussioni sui dati scientifici e se questi devono essere divulgati o no, scambi di idee sul modo migliore per combattere gli argomenti degli scettici, e commenti casuali – in alcuni casi irrisori – su persone specifiche, note per le loro opinioni scettiche. Bozze di articoli scientifici e un collage di foto che ritrae gli scettici del clima su un lastrone di ghiaccio, fra l’altro, sono stati trovati tra i dati piratati, alcuni dei quali risalgono a 13 anni fa.
    In una e-mail di scambio, uno scienziato scrive di statistica utilizzando un “trucco” in un grafico che illustra una tendenza recente del riscaldamento. In un altro, uno scienziato si riferisce agli scettici del clima come “idioti”.
    Alcuni scettici Venerdì hanno affermato che la corrispondenza ha rivelato uno sforzo di trattenere le informazioni scientifiche. “Questa non è una” pistola fumante”, si tratta di un fungo atomico,” ha affermato Patrick J. Michaels, un climatologo che ha a lungo smentito punto per punto le prove della teoria del riscaldamento causato dall’uomo, ed è criticato nei documenti.
    Parte della corrispondenza ritrae gli scienziati come sotto assedio dal gruppo gli scettici e preoccupati che ogni commento deviante o ogni dato problematico potrebbero essere rivolti contro di loro.
    Le prove che evidenziano un crescente contributo umano al riscaldamento globale sono così ampiamente accettate che il materiale pirata è improbabile che eroda completamente l’argomento. Tuttavia, i documenti senza dubbio sollevaranno questioni circa la qualità della ricerca su alcune questioni specifiche e le azioni di alcuni scienziati.
    In diversi scambi di e-mail, Kevin Trenberth, climatologo presso il Centro Nazionale per le Ricerche Atmosferiche e altri scienziati discutono dei divari nella comprensione delle recenti variazioni di temperatura. I siti web degli scettici hanno rilevato una riga in particolare: “Il fatto è che non si può spiegare la mancanza di riscaldamento in questo momento ed è una parodia che non possiamo sostenere,” il Dott. Trenberth ha scritto.
    […]
    Funzionari presso l’Università di East Anglia ha confermato in un comunicato il Venerdì che i file erano stati rubati da un server universitario e che la polizia si era decisa ad investigare sulla violazione. Essi hanno aggiunto, tuttavia, che non hanno potuto confermare che tutto il materiale che circola su Internet sia autentico.
    Ma molti scienziati e altri, contattati da The New York Times  hanno confermato che sono stati gli autori o i destinatari di specifici messaggi di posta elettronica inclusi nel file. Le rivelazioni sono destinate a infiammare il dibattito pubblico, così come centinaia di diplomatici che si preparano a negoziare un accordo internazionale sul clima in occasione delle riunioni a Copenaghen il prossimo mese, e almeno uno scienziato ha ipotizzato che la tempistica non è stata casuale.
    Dr. Trenberth Venerdì ha detto che era sconvolto della divulgazione dei suoi messaggi di posta elettronica. Ma ha aggiunto che secondo lui le rivelazioni potrebbero ritorcersi contro gli scettici del clima. Ha detto che pensava che i messaggi hanno dimostrato “l’integrità degli scienziati.” Tuttavia, alcuni dei commenti potrebbero prestarsi ad essere interpretati diversamente.
    Nel 1999 uno scambio di e-mail su tabelle che mostrano i modelli del clima nel corso degli ultimi due millenni, Phil Jones, un ricercatore del clima da lungo tempo alla East Anglia Climate Research Unit, ha detto di aver utilizzato un “trucco” ripreso da un altro scienziato, Michael Mann, per “nascondere” il calo della temperatura.
    Il Dr. Mann, un professore alla Pennsylvania State University, ha confermato in un’intervista che il messaggio di posta elettronica era reale. Ha detto che la scelta delle parole del suo collega era povera, ma ha osservato che gli scienziati spesso usano la parola “trucco” per fare riferimento a un buon modo per risolvere un problema, “e non qualcosa di segreto.”
    In questione ci sono alcune serie di dati, impiegati in due studi. Una serie di dati ha mostrato effetti a lungo termine della temperatura su anelli degli alberi, l’altra, le letture del termometro per gli ultimi 100 anni.
    Durante il secolo scorso, gli anelli degli alberi e i termometri indicano un aumento costante della temperatura fino al 1960, quando alcuni anelli degli alberi, per ragioni sconosciute, non sono più in crescita, mentre il termometro continuerà a farlo fino ad oggi.
    Il Dr. Mann ha spiegato che l’affidabilità della struttura-dati ad anello è messa in discussione, in modo che da non essere più utilizzate per tracciare le fluttuazioni di temperatura. Ma egli disse che la decadenza delll’uso degli anelli degli alberi non è mai stato qualcosa fatto di nascosto, ed era stato ricompreso nella letteratura scientifica da più di un decennio. “Sembra un fatto incriminante, ma quando si guarda a cosa stai parlando, non c’è nulla”, ha detto il dottor Mann.

    Inoltre, altre misurazioni indipendenti, ma indiretta delle fluttuazioni della temperatura negli studi sostanzialmente d’accordo con i dati di termometro mostra la temperatura in aumento.

    […]

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.