Loggia P3, la compravendita di senatori – capitolo 1: Nino Randazzo

“Tutto quello che c’è scritto su Repubblica e riguarda la mia persona è vero. Si tratta di un troncone di un’indagine in corso e tramite delle intercettazioni, uno degli intermediari del Cavaliere telefonava anche a me. Mi sto facendo delle grandi risate perché apprendo che era stato fotografato l’incontro con l’intermediario e ho scoperto, soprattutto, che prima di fare un approccio alla mia persona avevano controllato il mio conto corrente in Australia, scoprendo che ero il più povero di tutti”.
(Nino Randazzo, senatore dell’Unione eletto nella circoscrizione Asia-Oceania, Ansa, 12 dicembre 2007).

NinoRandazzo era un senatore dell’Unione. Durante la crisi del governo Prodi, nel 2007, gli emissari di B. lo persuasero con argomenti convincenti a non votare la fiducia. Guardate il video.