Attenti all’UDC, è pronta a votare il Processo Breve e il nuovo Lodo Alfano

L’UDC sembra mantenersi equidistante da PD e PdL? Il partito di Casini viene dato un giorno all’opposizione e il giorno dopo al governo insieme a Berlusconi e Bossi? Normale: il centro della politica italiana è quella grande palude che si è sostituita alla Democrazia Cristiana. E se alle Regionali l’erede dello scudo crociato si è alleato in Piemonte con il PD in un prototipo di una nuova Unione prodiana, un nuovo patto Bersani-Casini per le politiche prossime venture sembra sfumare. Sicché oggi Bersani ha rotto gli indugi e, mandando in crisi i piani dei centristi del PD, ha ipotizzato la formazione di un Nuovo Ulivo, ovvero di una alleanza con la sinistra – ora extraparlamentare – di SeL, Verdi e Rifondazione (se sopravvive). Bersani mette la freccia a sinistra, creando non pochi crucci a Di Pietro, che finora ha attinto a piene mani dall’elettorato post-comunista, e sconfessando il modello di Partito Democratico voluto da Walter Veltroni – quell’utopia del partito maggioritario che rompe a sinistra per confabulare al centro. Bersani ha però lasciato la porta aperta: l’Ulivo sarà disponibile a partecipare alla (Santa) Alleanza Democratica contro Berlusconi. Tradotto in parole comprensibili: alleanza con l’UDC, se non viene prima comprata dal PdL.

Lo scenario al momento vede una situazione di stallo: Bersani ha reagito rispolverando l’Ulivo; Berlusconi, frenando davanti all’ipotesi di nuove elezioni. Casini resta senza partner, avendo ancora da ridefinire il solco con i finiani sui temi etici, elemento di ostacolo alla formazione del Nuovo Centro. Comunque c’è chi scalpita per dare una mano al Caimano:

E’ la giustizia il vero nodo: è su questo terreno che Berlusconi potrebbe trovarsi scoperto perché i finiani non sono disponibili a votare il Processo Breve. Che farete?

“Non deve essere un ammazzasentenze, con tanti saluti alle vittime e a chi ha subito danni”.

E sul Lodo Alfano?

“Mi voglio rovinare:  se ci presentassero una legge di carattere costituzionale fatta bene e capace di mettere fine al conflitto fra politica e magistratura, noi non ci troveremo niente di scandaloso” (parola di Rocco Buttiglione, intervistato da Il Mattino).

Non c’è da stupirsi: pensate che Vicepresidente del Csm è tale Michele Vietti, “autore della legge sul legittimo impedimento, della riforma del falso in bilancio e della pregiudiziale di costituzionalità che, paragonando l’orientamento sessuale a “incesto, pedofilia, zoofilia, sadismo, necrofilia, masochismo eccetera”, ha bloccato nel 2009 una proposta di legge che prevedeva l’aggravante per i crimini di natura omofobica” (Wikipedia), eletto con i voti del PD (meno uno, Ignazio Marino). E allora, incassata una fiducia pro tempore a settembre, Berlusconi potrebbe procedere in autunno a disarmare i giudici – per sé e per gli amici, vicini e lontani – con una riforma costituzionale che verrebbe avallata dal Csm, oramai del tutto asservito, e votata grazie al soccorso dell’UDC più Rutelli, sì proprio l’ex candidato premier dell’Ulivo alle politiche del 2001. Rutelli non si è limitato a proporsi come votante ma si è spinto più in là, suggerendo i punti cruciali della eventuale riforma:

La riforma immaginata dal leader di Api è netta: “Separazione delle carriere. Spersonalizzazione del pubblico ministero. Non vorrei conoscere i pm, non vorrei vederli in televisione. Vorrei che facessero il loro lavoro seriamente, professionalmente, sobriamente. Vorrei che non siano leggibili come figure politiche. E li voglio liberi di indagare su chiunque. E penso che tutti gli italiani sarebbero contenti di questo. E se i magistrati sbagliano, debbano rispondere. Una scelta – ha concluso – che fu sancita persino da un referendum in Italia” […] “una riforma, non un piccolo provvedimento tampone che dovrebbe servire solo ad allontanare un attacco giudiziario da Berlusconi che peraltro non si allontana mai” (Opinione.it).

A chiarire ulteriormente la posizione de l’API, Linda Lanzillotta afferma che “siamo pronti a un’operazione-verità sul federalismo. E anche sulla giustizia, sfidiamo una maggioranza inchiodata alle leggi ad personam e opposizioni ancorate al giustizialismo: ci sono due anni di legislatura per riformare giustizia civile e penale” (Opinione.it, cit.).

Conclusione: altro che dimissioni e crisi di governo. Qui si fa a gara per salvare B.

L’ombra di Nichi Vendola e i proverbi di Chiamparino

Giorni di ombre lunghe, anche per il PD. E nel PD le ombre hanno un nome solo, Nichi Vendola, il ‘papa straniero’, come definito da Marino. Oggi D’Alema ci ha fatto sapere che Vendola non lo voterebbe mai. Ma se ribaltate la domanda agli elettori del PD, la risposta sarebbe un’altra: D’Alema? Non lo voterei mai.

Chiamparino ci ricorda dagli schermi di La7, oltre ai detti piemontesi, che il titolo (Ha tradito Papi e papà) di un giornale su Chiara Moroni, fresca di tradimento del PdL e di passaggio a FLI, è ‘osceno’. lui, il Chiampa vorrebbe fare un PD tutto nuovo ma non sa quale. E ritorna a parlare di ‘cambio di passo’:

Chiampa 1: I tatticismi vanno bene per riempire qualche pagina estiva di giornale, ma al Pd serve subito un cambio di passo su grandi temi come federalismo, fisco e lavoro.

Chiampa 2: E’ essenziale il messaggio che si dà ai cittadini. La tattica ha un senso per i centristi, ma il Pd deve prima di tutto ricominciare a dire ai cittadini cosa pensa sui grandi temi.

Chiampa 3: il Pd deve dunque prepararsi alle elezioni anticipate, e il candidato “non può che essere scelto dal centrosinistra nel suo complesso” […] “se si giudica utile una mia candidatura non mi tirerei indietro”.

Chiampa 4: sogno un partito di sinistra che realizzi, sulla base dei valori della sinistra, una società che sappia affrontare le sfide della globalizzazione.

Chiampa 5: ci vogliono le primarie, io non mi tiro indietro; se serve a dare una mano a costruire una leadership credibile, io mi candido, anche contro Bersani. Si valuterà.

Chiampa 6: L’iniziativa di Vendola è utile, perchè in Italia esiste un’area di sinistra, oggi dispersa, che non può rimanere senza rappresentanza, e perchè di riflesso il suo attivismo stimola anche noi a muoverci.

Ma i temi? I grandi temi? Fisco e lavoro? Immigrazione, globalizzazione, legge elettorale, nord, sud, federalismo? Pensare al Nuovo Ulivo forse non aiuta.