“Le #primarieparlamentari si faranno”

Lo dice Enrico Letta su Facebook:

letta

 

E così sono andato a leggerla, questa intervista. Da un lato, Letta riprende la sua personalissima idea (ma fino a che punto?) di fare un accordo post elettorale con l’Udc di Casini (che vi ricordo secondo recenti sondaggi vale un 3.8%). Dall’altro, spiega che le primarie per i parlamentari si faranno. E saranno primarie aperte. Quindi, quando voterete Letta, ricordatevi che è il primo sponsor della Santa Alleanza PD-Sel-Udc (con Monti o al Quirinale o molto più probabilmente al MEF).

Ora sarà più facile un`alleanza pre-elettorale con Casini e i “montiani”? «Non ho dubbi che faremo un governo insieme alle forze che sostengono Monti oggi. Che questo debba avvenire con un`alleanza con liste apparentate ora, o con un accordo dopo il voto, è da valutare. Non è una furbata perché Bersani ha chiesto i voti alle primarie su questa linea. Quindi è una scelta legata anche alle tecnicalità della legge elettorale. Oggettivamente questa situazione avvicina il Pd al cosiddetto “centro montiano”».

Si lavora a un listone unico con Sel per agevolare l`intesa con Casini? «Quella invece è una scelta politica, ma mi sembra non sia nelle cose. Valuteremo, ma credo abbia più senso andare al voto con liste distinte».

Farete in tempo a organizzare le primarie per la scelta dei parlamentari? «Le primarie si faranno sicuramente, perché si è deciso che si sarebbero fatte. E quelle del 25 novembre dimostrano quanto andare con uno schema aperto, dando fiducia ai nostri elettori, sia solo un vantaggio. Ne parleremo mercoledì prossimo e posso dire che saranno primarie aperte, non solo tra gli iscritti del partito» (http://www.enricoletta.it/press/ora-e-piu-vicina-unintesa-fra-il-pd-e-il-professore/).

Annunci

Vendola nella tela del ragno

Di certo è che la giornata politica di oggi è fra le prime dieci in assoluto per il vuoto di contenuti che ha saputo offrire. Stamane Repubblica.it e altri (La Stampa, Corriere.it e via discorrendo) hanno titolato in homepage della Svolta di Vendola. Vendola apre all’UDC in una alleanza a tre con il Partito Democratico. Vendola scarica di Pietro. Eccetera.

Le smentite non si sono fatte attendere: non è vero, nessuna svolta. Nessuna apertura. Colpa dei giornali che titolano a caso. Un vecchio refrain. La smentita. Poi seguita dalla dichiarazione che ammorbidisce e precisa: non vogliamo subire veti, ergo non poniamo veti. Commentare queste scenette è veramente avvilente, ma non c’è scelta. La politica che abbiamo vissuto per diciassette anni è stata fatta così. Nessuna attenzione per il reale. Nessuna idea da mettere al servizio del reale. Nessun candidato reale. Solo pantomime. Drammi personali. Piccoli sotterfugi. Incontri al vertice che hanno il solo scopo di suddividere fette di cariche onorifiche del governo prossimo venturo.

Il paradosso è che questa Santa Alleanza ci è stata propinata sin dalle primarie del 2009, quelle che hanno eletto Bersani segretario, un progetto che viene perseguito scientemente, senza remore, senza considerare il reale, quel reale che sfugge anche alla cognizione di chi nel palazzo romano non siede da molti anni, come i vendoliani di Sel. Vendola non sa quali siano le trame. E se le conosce, allora le condivide pienamente. Pensano al compromesso storico rimirandosi in uno specchio distorto, Bersani e Casini. Sanno che è impossibile affrontare il dopo-le-urne con un profilo politico internazionale così debole. Bersani presidente del Consiglio è unfit to lead esattamente come quell’altro. L’architrave del prossimo governo lo metterà per prima Washington. Le elezioni italiane a Novembre sono tecnicamente impossibili. Prima gli USA. Prima Obama (Romney si sta autodistruggendo a ritmo di gaffes internazionali). Poi l’Italia. L’arco dell’Alleanza verrà edificato sulla sponda UDC per permettere la continuità del ‘progetto Monti’. Monti proseguirà il ruolo di tecnico assumendo la guida del MEF con il governo Bersani, alla maniera di Ciampi nel 1996 (primo governo Prodi). E’ tutto chiaro, fin da ora. Solo così riusciremo a finanziare il nostro debito. Altrimenti il governo Bersani sarà il governo del dissesto e della fine dell’Euro.

Vendola apre ai finiani (troppo tardi, sono ridotti in cenere)

Lodo Vendola: ok Bindi per i lettori del corriere

Mentre il PD si agita e scuote come tormentato da incubi (leghisti), SeL continua a raggranellare consenso nei sondaggi. Accreditato di una percentuale che varia del 7% al 9%, Vendola sta cercando, pur essendo fuori del Parlamento, di guidare il PD verso un’alleanza parlamentare alternativa alla maggioranza attuale per sostenere un nuovo governo a guida Rosy Bindi.

«Una donna che rappresenta la reazione a uno dei punti più dolenti del regresso culturale, ricopre un ruolo istituzionale-chiave come quello di vicepresidente della Camera, ha il profilo giusto per guidare una rapida transizione verso la normalità» (La Repubblica.it).

Bersani, ieri, ha puntato sul dialogo con i leghisti avendo in mente ben chiara la necessità di proporre il suo partito come elemento chiave per l’approvazione del federalismo, tema chiave per i leghisti, ciò che mantiene in vita questa legislatura. L’obiettivo di Bersani è accelerare la caduta di B, forse andare immediatamente alle elezioni con una Gröss Koalition, la Santa Alleanza finora soltanto teorizzata. Vendola rischia di rimanerne fuori. Ecco spiegata la sua apertura alla alleanza parlamentare con i finiani:

Per ridare all’Italia l’ossigeno che il berlusconismo le ha tolto urge rimuovere le macerie della Seconda repubblica. Ma se è genuino questo allarme bisogna evitare le inopinate aperture di credito a quei leghisti che sono un elemento centrale del degrado civile del Paese. Facciamo allora un coalizione di emergenza democratica, reclutiamo le migliore competenze giuridiche e occupiamoci delle cose fondamentali: legge elettorale, una buona norma sul conflitto d’interessi e sul sistema informativo. Poi, ognuno per la sua strada (La Repubblica.it, cit.).

C’è un’emergenza democratica, mettiamo da parte le categorie vetuste. Voi del PD alleatevi in Parlamento con i finiani, fate le riforme, poi facciamo le elezioni anticipate previe primarie, che sicuramente vinco io. Un piano “machiavellico”: peccato che i finiani siano in disfacimento. Una strategia, questa di Vendola, perlomeno tardiva: andava bene fino allo scorso 14 Dicembre. Pare che Vendola cerchi un riposizionamento. Si è trovato improvvisamente fuori dai giochi. Ma anziché rilanciare sul tema primarie, s’inventa un governo Bindi che non avrebbe maggioranza né al Senato, dove il gruppo di FLI è entrato in crisi proprio oggi con il fallimento del voto di fiducia e con la fuoriuscita di Menardi, né tantomeno alla Camera, dove si annunciano nuove transumanze di deputati del Terzo Polo verso la ‘casa madre’ del PdL.

Vendola coltiva ambizioni da leader a pieno titolo, però sa benissimo di non poterle far valere nell’immediato e, a maggior ragione, di non essere proponibile come guida di una coalizione talmente composita da estendersi a formazioni di centrodestra come l’Udc e Fli. In attesa di alzare il tiro in avvenire, quindi, ha tutto l’interesse a caldeggiare come capo di un governo di larghissime intese (e di transizione!) una figura di contorno come la stessa Bindi (La Voce del Ribelle).

Dinanzi alla prospettiva di elezioni in maggio (in serata si è ventilata la data del 15 Maggio), Vendola rischia di restare ai margini di una coalizione troppo eterogenea che lo danneggerebbe irrimediabilmente in caso di ridefinizione della leadership del centrosinistra. Rischierebbe nuovamente l’effetto “Unione” prodiana.